A pieni polmoni con Cristian Paganoni

Respiro libero, tutt’altro mo[n]do.

Ti è mai capitato di respirare dopo un temporale?

Sto pensando a quella sensazione che fa girare la testa, forse perché in questo momento c’è profumo di pioggia nell’aria.

Lascia per meno di cinque minuti la solita centrifuga di preoccupazioni, ti presento una persona che vive il respiro nella natura, Cristian Paganoni, esploratore della vita. Ideatore e insegnate di Allungati e Respira, esperto di Respiro Naturale.

Proviamo a fare due passi di immaginazione con lui per rigenerarci. Eccolo quindi che esce dal bosco e saluta.

cristiankirandrake_31326569_176659472990676_4509964829032710144_n.jpg

Ciao Fabiola pronta per una passeggiata nel respiro (polmone) della natura?

Cristian non stupirti però se ad un certo punto avrò il fiato corto. Accetto solo se mi spieghi come posso attivare benessere a partire dalla respirazione. 

La respirazione è la base di tutto.

Questa è un’ottima partenza, fa ben sperare che ci siano benefici immediati!

Col respiro immettiamo ossigeno nel corpo che attiva il sistema energetico, senza ossigeno saremmo spenti.

Tutti respiriamo, chi meglio e chi peggio. Molte persone pensano di non avere problemi di respiro ma le statistiche rivelano il contrario.

Da 20 anni mi occupo di respiro e non ho mai trovato nessuno con un respiro che funziona in modo naturale.

Questo si riflette sulla salute, sull’energia, sulle prestazioni e sugli stati d’animo.

Gli effetti negativi arrivano piano piano, cominci a sentirti più stanco, qualche calo di energia e accade che non ti poni nemmeno il dubbio che tutto questo possa derivare dal modo in cui respiri.

Si parla di legame diretto tra respiro e stato emozionale, perché? Come può influire una corretta respirazione nelle nostre relazioni lavorative e personali?

Il respiro influisce sulle emozioni, quanto le emozioni influiscono sul respiro.

Solo che gestire le emozioni è molto difficile, mentre gestire il respiro è solo questione di pratica.

Purtroppo le relazioni sia lavorative che personali vanno sempre peggio perché si è sovraccarichi di stress e lo stress, se non lo sai gestire, ha l’effetto negativo di compromettere anche una naturale respirazione.

Liberare il respiro naturale, oltre ad avere effetti biochimici importanti che intervengono sia a livello fisico che mentale ed umorale, favorisce l’attivazione del sistema nervoso parasimpatico, fondamentale per il recupero delle energie e delle strutture distrutte dallo stress.

Cosa dovresti fare per respirare liberamente?

  • Liberare il corpo dalle tensioni.
  • Quando liberi il corpo dalle tensioni, rinasci.
  • Quando rinasci, stai bene.
  • Quando stai bene anche le relazioni vanno bene.

cristiankirandrake_31270373_2059364747439067_8118018549181579264_n

“Ho la convinzione che è facile stare bene ma bisogna impegnarsi in prima persona per riuscirci e che la natura ci offre tutte le risposte che cerchiamo” 

Penso al tuo metodo di respirazione come una possibile soluzione a blocchi emotivi come rabbia o incomunicabilità. In che modo, attraverso i tuoi percorsi, riduci lo stress dei professionisti?

La rabbia sorge perché siamo continuamente sotto pressione e non vediamo una via d’uscita. Però non possiamo nemmeno darle sfogo, altrimenti potremmo essere etichettati come brutte persone.

Così diventiamo mine vaganti pronte ad esplodere oppure ad implodere, ammalandoci e perdendo di vista cosa è veramente importante.

Il lavoro di Allungati e Respira aiuta le persone e i professionisti a uscire gradualmente da questa situazione. Ogni tensione liberata è un blocco energetico ed emotivo che se ne va in modo morbido, grazie al respiro.

Ai professionisti insegno sia come funziona lo stress e il nostro organismo che pratiche di rigenerazione.

Pensiamo che il nemico sia lo stress ma conoscendo come funziona, possiamo renderlo un nostro alleato.

Ogni pratica di recupero veloce da stress è studiata in base al proprio stile di vita.

Quali sono le figure complementari alla tua professione che aggiungono valore al tuo lavoro?

Il mio scopo è quello di rendere le persone autonome e responsabili di se stesse.

Per quanto riguarda la figure complementari ce ne sono molte, tutte quelle che lavorano sul benessere psicofisico.

Ho le mie discipline preferite ma ciascuno ha le sue preferenze ed esigenze.

A qualcuno potrei consigliare un osteopata, a un altro un esperto in alimentazione, oppure un massaggiatore o delle belle passeggiate nella natura. Dipende da chi mi trovo di fronte.

Comunque per me non è tanto importante la figura professionale, quanto la professionalità dell’individuo.

Uno può essere super titolato ma se non ha passione, sensibilità e interesse verso i suoi pazienti, clienti o allievi, difficile possa esser loro d’aiuto.

Una questione di equilibrio perfetto tra conoscenza, competenza e abilità personale?

“Non esiste l’equilibrio perfetto, esiste il perfetto equilibrio personale”

cristiankirandrake_38848024_2164220790484530_5009136128721158144_n

Cristian i polmoni sono degli strumenti naturali che aiutano a portare ossigeno in tutte le cellule del corpo? Cosa ne pensi di tutti quei supporti tecnologici che producono lo stesso risultato benefico?

Sì, i polmoni sono strumenti naturali ma il nostro stile di vita e la nostra poca consapevolezza del corpo e di come funziona, porta ad un loro mal funzionamento.

Diamo la giusta considerazione al nostro corpo solo quando è troppo tardi, quindi tutto ciò che abbiamo di naturale dobbiamo preservarlo, se vogliamo che continui a svolgere al meglio il suo lavoro per il nostro benessere e la nostra salute.

Sono a favore di strumenti e supporti tecnologici, purché non tolgano la responsabilità all’essere umano.

Quindi avanti con la tecnologia se fa bene e aiuta.

Come attraverso la respirazione si permette al corpo di raggiungere uno stato di quiete? Noi operatori olistici possiamo esserti di supporto aiutando a stimolare uno stato di distensione naturale?

Il respiro è il sinonimo di quiete ma può anche diventare un mezzo per “impazzire”.

Uno dei grandi problemi è proprio l’iperventilazione costante che porta ad uno spreco di anidride carbonica e conseguente riduzione dell’ossigenazione cellulare.

Il dott. Buteyko ha dimostrato che l’iperventilazione è collegata a patologie e pure agli attacchi di panico.

Respiro veloce = attacchi di panico = stato opposto alla quiete

Respiro lento = rilassamento = stato di quiete.

Per ottenere un respiro naturale è fondamentale allungare il corpo, quindi avanti a sistemi di distensione proposti da altri operatori olistici.

Per capire gli effetti positivi del respiro sulla quiete, il modo migliore è sperimentare di persona.

Fai questo test: prova a respirare dalla bocca velocemente come un pazzo e vedi come ti senti. Dopo poco sarai costretto a fermarti per il disagio.

Poi respira lentamente dal naso, espandendo delicatamente l’addome, inserisci delle piccole pause in inspirazione ed espirazione e dopo 2, 3 minuti, dimmi come ti senti.

Cristian puoi lasciare un consiglio pratico del tuo metodo Allungati e Respira per potenziare il respiro nella centrifuga della routine quotidiana?

Ma certo!

Il consiglio più semplice ed immediato è quello di respirare dal naso, perché la maggior parte delle persone usa la bocca.

Questo ha un sacco di effetti benefici, tra i quali il rallentamento naturale del respiro, che abbiamo visto essere molto importante.

Inoltre quando ti accorgi di essere troppo su di giri o con la testa nella centrifuga dello stress, obbligati a fermarti, chiudi gli occhi e concentrati sul tuo respiro.

Non devi fare niente di particolare, solo ascoltare il tuo respiro, rallentarlo in modo naturale, senza sforzo e mentre respiri rilassa i muscoli della mandibola, le spalle e l’addome.

Ti posso assicurare che questa pratica da sola potrebbe salvare tante persone dagli effetti negativi dello stress.

cristiankirandrake_32048528_1015061918648024_3340371871995527168_n

Tra le tante domande ce n’è una scomoda che riguarda il segreto della tua disciplina. Per il tuo benessere quotidiano ti affidi solo alla respirazione o associ altre tecniche speciali?

Il segreto della mia disciplina è la semplicità.

Bisogna smettere di ricercare formule magiche e mettere in pratica le cose semplici che funzionano.

Associo diverse tecniche e discipline: allungamento, respirazione, movimento, contatto con la natura, accettazione dei miei molti difetti e degli errori che commetto, amore per la vita, per la mia famiglia, per l’insegnamento e per l’aiuto rivolto alle persone che mi seguono.

“Siamo sempre alla ricerca della formula magica e non vediamo che la soluzione è proprio nel nostro naso. Impara a respirare!”

Bene, parlando siamo tornati all’inizio del sentiero ed è stato più semplice di ciò che immaginavo. Prima di lasciarti tornare nel bosco mi aggiorni sui tuoi [per]corsi? 

In questi giorni ho aperto le iscrizioni al dojo virtuale di Allungati e Respira ad un gruppo ristretto di persone che seguirò personalmente nei prossimi mesi per portarli a raggiungere i loro obiettivi. Ti aspetto, ciao!

Un mondo virtuale per imparare un nuovo modo di eliminare tensioni in favore della propria energia personale. Grazie Cristian. 

Semplice, come respirare!

******

Spazio di approfondimento del progetto Fa.Re. sui professionisti del benessere.

Intervista al trainer del respiro #13

INFORMAZIONI DI CONTATTO DI CRISTIAN PAGANONI

Linkedin: Cristian Paganoni

Youtube: https://www.youtube.com/user/AllungatieRespiraTV

Facebook: https://www.facebook.com/AllungatieRespira

Sito: www.allungatierespira.com

Mail : info@allungatierespira.com

*****

Eccoti tutte le interviste ai professionisti del benessere. Ti invito a scrivere sotto le tue impressioni. Grazie!

Intervista al coach #1 Anna Paola Mastria – La domanda §comoda

Intervista al coach #2 Angela Santi – Quattro vite per Angela Santi

Intervista al farmacista #3 Laura Breseghello – Dott.ssa L. B. farmacista al naturale

Intervista al coach #4 Gabriele Salvini – Viaggio dell’inedito con Gabriele Salvini

Intervista al coach #5 Paolo Angeri – Soul & Paolo Angeri

Intervista al counselor #6 Monica Cozzolino – Suoni dell’anima con Monica Cozzolino

Intervista al coach #7 Alessia Zuppicchiatti – Lo stile di Alessia Zuppicchiatti

Intervista al coach #8 Elisa Marangio – E. M., la grinta della leonessa Vs la delicatezza della farfalla

Intervista al coach #9 Paola Grassi – Paola Grassi, un’energia positiva

Intervista all’igienista dentale #10 Elena Bizzotto – Elena Bizzotto, il sorriso [non va] in vacanza

Intervista alla sociologa #11 Daniela di Ciaccio – Daniela di Ciaccio,[mi] aiuti a fiorire?

Intervista al musicoterapeuta #12 Lorenzo Pierobon – L. P.: l’essenza nascosta della voce

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.